Puccia perfetta

Puccia-Perfetta

Un sistema in grado di riconoscere, grazie ad una videocamera, delle pucce bruciate in fase di produzione e che notifica tramite un attuatore (sonoro o visivo) il passaggio di quest'ultime. Il sistema è in grado di scrivere le rilevazioni su un foglio Google al fine di effettuare analisi sulla produzione ed è in grado di caricare le foto delle pucce su Google Drive per fini diagnostici e di miglioramento.
Puccia-perf

Open Source e Documentazione:

Questo progetto è open source: chiunque può scaricare i file necessari, ricreare il progetto e contribuire al suo miglioramento. Non ci sono restrizioni di licenza d'uso, ma si invita a citare che è stato realizzato dagli studenti ASIRID.

Tutto il materiale necessario si trova su GitLab.

Specifiche del progetto:

Il progetto è nato dall'esigenza di un'azienda che produce prodotti alimentari, di facilitare la vita al suo addetto al confezionamento. Quest'ultimo vedendosi arrivare moltissime pucce da impacchettare, necessitava di un segnale che lo avvisasse dell'arrivo di una puccia "non buona", in modo tale da prepararsi a scartarla. Per risolvere questo problema, abbiamo pensato ad un sistema costituito da pochissimi componenti, come un RaspBerry Pi che, attraverso una telecamera individua e segnala le pucce (per il momento solo quelle bruciate) da scartare. Per testare il codice scritto ad-hoc per il progetto abbiamo costruito un nastro trasportatore per "simulare" il nastro sul quale le pucce vengono portate dal forno alla zona di confezionamento, presente in azienda. Puccia-Demonstrator

*Il processo di costruzione del dimostratore non è descritto in questa documentazione, ma nel caso si volesse riprodurre, l'importante è avere bene in mente l'idea che serve un nastro che scorre (sul quale andranno adagiate le pucce) e una videocamera che punta proprio sul telo o nastro. In più basta un po' pazienza, di creatività e un po' di olio di gomito.

Il nostro dimostratore è cosi composto:

  • 2 tubi di plastica
  • 3 aste filettate (per il supporto alla videocamera)
  • Telo di stoffa

!IMPORTANTE: Il telo sul quale poi dovranno scorrere le pucce è indispensabile che sia di un colore unico e omogeneo (e ovviamente diverso rispetto al colore delle pucce) in quanto, farà da sfondo alle immagini che catturerà la videocamera. (Un maggiore contrasto di colori permetterà un riconoscimento ottimale delle pucce)

  • Base di legno
  • 4 raccordi stampati in 3d (per le aste filettate)
  • Shell di PLA stampata in 3d dove riporre la telecamera
  • 10 dadi
  • 10 rondelle
  • 28 viti con le corrispettive ** farfalle**
  • Manovella per muovere il rullo stampata in 3d
  • 6 cuscinetti a sfera
  • Guarnizione di gomma

Come funziona?

Dopo per aver configurato il tutto con uno script per la configurazione, un algoritmo analizza frame per frame le immagini che arrivano dalla videocamera e le da in pasto ad alcune funzioni open-cv come:

  • cv2.cvtColor(frame, cv2.COLOR_BGR2HSV): che converte il frame da BGR (Blue, Green, Red) a HSV (Hue, Saturation, Lightness) per la Color Detection delle Pucce. HSV_BGR
  • cv2.findContours(frame, cv2.RETR_EXTERNAL, cv2.CHAIN_APPROX_NONE): che serve per la ricerca, all'interno dell' frame-hsv, curve che uniscono linee continue di punti. (Nello specifico cerca semi-archi che poi successivamente completa affinchè diventino circonferenze)

Grazie a queste funzioni, l'algoritmo riconosce le pucce presenti nell'immagine e gli assegna un ID (univoco per distinguere una puccia da un'altra durante l'analisi dei frame), poi effettua la media colore delle circonferenze (nello specifico la media colore del rettangolo iscritto nella circonferenze). Se le medie rientrano in un determinato range di colori la puccia è buona, se invece rientra in un altro range è bruciata. A quel punto lo script attiva, attraverso un segnale digitale ed un Relè, la luce o una eventuale sirena (l'attuatore) per ogni puccia bruciata presente nel frame. Nel mentre l'algoritmo raccoglie dati (es. numero pucce buone, non buone etc.) e li scrive periodicamente su un foglio Google; parallelamente effettua l'upload di alcuni frame di pucce bruciate e non su Google Drive in cartelle specifiche (come già descritto nell'introduzione).

Requisiti HW:

Puccia-RaspBox

  • RaspBerryPi 3B+ con SD (almeno da 16GB) (o qualsiasi tipo di mini pc, che possa supportare Linux)
  • 1 Cavo di alimentazione per RaspBerryPi
  • 1 Relè (es. questo o simili)
  • 3 Jumper Femmina-Femmina per collegare il Relè al Rasp. (5V-GND-SIGNAL)
  • 1 Videocamera USB (di seguito viene riportata la nostra)
  • 1 ciabatta con almeno 2 prese (1 per l'attuatore e 1 per il cavo di alimentazione del Rasp.)
  • 1 cavo di alimentazione Maschio-Femmina (con cui collegheremo la sirena o luce alla corrente)
  • 1 Sirena o Luce

!Indispensabili per la configurazione iniziale ed una prima fase di test si consiglia di utilizzare:

  • 1 mouse (da collegare al RaspBerryPi tramite USB)
  • 1 tastiera (da collegare al RaspBerryPi tramite USB)
  • 1 monitor (da collegare al RaspBerryPi tramite un cavo HDMI)

Topologia:

Rasp_topology Vocabulary:

  • ATT_P: cavo di alimentazione dell'attuatore (andrà spellato per collegare Fase, Neutro e Massa)
  • RASP_P: cavo di alimentazione del RaspBerryPi (nel caso di 3B+ il connettore sarà micro-usb)
  • GPIO (General Purpose Input/Output): i PIN che la board di RaspBerryPi mette a disposizione per i segnali (Nel nostro caso quelli utilizzate saranno 3, utilizziamo il GPIO21 per attivare il relè, 5V e GND per fornire alimentazione al modulo del Relè)
  • GND: Massa
  • NA: Normalmente aperto
  • NC: Normalmente chiuso
  • COM: Comune
  • VCC: tensione di alimentazione
  • IN1: PIN del modulo del relè che serve per l'attivazione dell'attuatore (collegato tramite jumper al GPIO21 del Rasp.)
  • POWER HUB: la nostra ciabatta
  • USB (Universal Serial Bus): gli attacchi usb type-A femmina che la board RaspberryPi mette a disposizione (per collegare videocamera, monitor, tastiera e mouse)
  • ATTUATORE: la luce o sirena
  • CONNETTORE: connettore elettrico che congiungerà i cavi dell'attuatore (nello specifico NEUTRO e GND)

Conn_Ele

Requisiti SW:

  • Python3
  • Python3 modules
  • Linux (Debian)
  • Repository GitLab: {puccia-perfetta}

Rep-Tree:

La repository è cosi composta: Puccia-RaspBox

  • braccio-robotico/: submodule alla repository del braccio-robotico, che attualmente non è utilizzato in questo progetto, ma verrà implementato in futuro.
  • Lib/: contiene tutte le librerie e classi python utilizzate dai 3 script principali e la cartella Creds/ per le credenziali (nel caso si voglia utilizzare le feature con Google Drive).
  • Config/: contiene i file di salvataggio della configurazione fatta con Picker.py e main_debug.py.
  • Resource/: contiene cartelle che al loro interno contengono file utili a questa documentazione e al progetto.
  • Image_drive/: conterrà immagini, prese a campione (effettuate ad intervalli regolari), delle pucce.
  • Burned_Pucce/: conterrà le immagini delle pucce bruciate rilevate.
  • Main_scripts.py: è l'insieme degli script "principali" (main.py, main_debug.py, Picker.py)

Passi da seguire per l'implementazione:

Dopo aver preparato e collegato tutti i dispositivi come riportato nella topologia in figura, avviare il RaspBerry Pi e :

  • Aprire il terminale Linux
  • Lanciare i seguenti comandi (con i privilegi di root):
rasp@puccia:~$ sudo apt update && sudo apt full-upgrade -y
# per aggiornare tutto il sistema
rasp@puccia:~$ sudo apt install libatlas-base-dev
# per installare le librerie di base
  • Spostarsi tramite console nel percorso/cartella che più si preferisce e lanciare il comando:
rasp@puccia:~$ git clone https://gitlab.com/poggiolevante/puccia-perfetta
# per scaricare la repository da Gitlab
  • Spostarsi nella cartella della repository appena scaricata:
rasp@puccia:~$ cd puccia-perfetta
  • Installare le librerie necessarie per gli script del progetto, tramite questo comando:
rasp@puccia:~$ pip3 install -r requirements.txt
# requirements.txt è un file presente nella repository che riporta tutte le librerie utilizzate
  • A questo punto avviare .\Picker.py (specifico per la configurazione iniziale), lanciando questo comando:
rasp@puccia:~$ python3 Picker.py
# questo script oltre alla configurazione, serve per impostare "l'ambiente di lavoro" creando anche alcune le cartelle viste nel Rasp-tree riportato qui sopra

Questo è quello che vi si presenterà: Picker_begin

  • Muovere lo slider Stream_Port fino a selezionare lo stream della videocamera che ci interessa e premere q per selezionarla e passare alla configurazione successiva.

Altrimenti è possibile cliccare s per switchare da Stream_Mode a Resource_Mode, che è una modalità che permette di selezionare dei video da utilizzare per la configurazione. Video che devono essere messi in .\Resource\Media (i formati supportati sono: ".mp4", ".avi", ".wmv").

Successivamente di apriranno queste finestre: Picker_conf

!ATTENZIONE: nel caso non si riuscisse a visualizzare l'intera schermata degli slider, posizionatevi con il cursore sopra la finestra, cliccateci e contemporaneamente premete Alt e spostatela verso l'alto fino a scoprire il resto degli slider.

Vediamo la funzionalità degli slider:

  • L-H, U-H, L-S, U-S, L-V, U-V: questi slider servono ad isolare il soggetto da riconoscere (nel nostro caso le pucce). Finestra a cui fare riferimento: Bitwise/Color (BiancoNero/Colorata).
  • Morph_op, Morph_cl: questi slider servono per eliminare "rumore" o "imprecisioni" dalla maschera HSV creata con gli slider precedenti. Finestra a cui fare riferimento: Morph/Blurred (si può notare l'effetto di questi slider mettendo a paragone la finestra Bitwise e la finestra Morph).
  • Blur: serve per mettere un effetto sfocatura alla maschera HSV, nel caso fosse necessaria, al fine di isolare maggiormente la puccia. Finestra a cui fare riferimento: Morph/Blurred.
  • Brightness: serve per regolare la luminosità dell'immagine.
  • Contrast: serve per regolare il contrasto dell'immagine.
  • Saturation: serve per regolare la saturazione dell'immagine.
  • Hue: serve per regolare la tonalità dell'immagine.
  • Gamma: serve per regolare la correzione gamma dell'immagine.
  • Auto_WB: serve per attivare o meno il bilanciamento automatico dei bianchi.
  • Min_radius, Max_radius: servono rispettivamente per selezionare il raggio minimo e il raggio massimo (in questo caso delle nostre pucce) che il nostro sistema deve rilevare. Finestra di riferimento: Frame_radius. Dall'immagine di possono notare due circonferenze: quella blu (Min_radius), quella rossa (Max_radius).
  • Arm_verse, Arm_limiter: servono per il braccio-robotico, nello stato attuale del progetto non vanno utilizzati.
  • Roi_x, Roi_y, wx, wy : utilizzati in combinazione con wx e wy per delimitare un Range of Interest a partire dal frame HSV. Questo per eliminare dal frame che sarà dato in pasto allo script, eventuali porzioni periferiche dell'immagine non necessarie. Finestra di riferimento: Frame_radius (Roi visibile grazie al rettangolo blu).
  • Morph_Blur: serve per scegliere quali effetti usare sul frame HSV, se settato a 0 usa sia il blur che l'effetto dato dai morph, se settato a 1 utilizza solo i morph, se settato a 2 invece utilizza solo il blur.
  • Debug_mode: serve per avviare a configurazione finita un altro script, nello specifico main_debug.py. Se settato a 0 non avvierà nulla, se settato a 1 lo avvierà.
  • Una volta conclusa la configurazione con .\Picker.py premere "s" per salvare (oppure "q" per uscire senza salvare).

!ATTENZIONE: il file di configurazione che verrà salvato in .\Config è indispensabile per l'utilizzo degli script main_debug.py e main.py, senza il file di configurazione gli script non partono.

  • A questo punto avviare main_debug.py, per effettuare un altro tipo di configurazione (nello specifico per stabilire il range di media colore per il quale una puccia può considerarsi "buona" o "bruciata") tramite il comando:
rasp@puccia:~$ python3 main_debug.py

Queste sono le schermate che si presenteranno: Puccia-Conf Lo script è molto simile al .\Picker.py, serve per visualizzare in tempo reale gli effetti della configurazione fatta e nel caso sistemare qualche valore come per esempio il raggio. Mostra la finestra "Operative_Mask" che non è altro che la maschera, costruita con la configurazione precedente, che lo script utilizza per rilevare le pucce. L'altra finestra: "Puccia_Cam" da cui è possibile vedere in tempo reale il ricoscimento della puccia, al centro si trova l'ID, in alto a sinistra il valore del raggio rilevato e in alto a destra la media colore (se è buona avrà un valore alto, se è bruciata il valore sarà basso). Gli slider presenti sono praticamente gli stessi di .\Picker.py, con un aggiunta però:

  • mAVG_color, MAVG_color: (valore minimo, valore massimo) muovendo questi slider si vanno a selezionare i valori della media colore per il quale la puccia riconosciuta è considerata buona o bruciata. (Nel caso fosse buona il cerchio di rilevazione sarà verde, se bruciata invece sarà rosso).
  • Conclusa anche la configurazione con il .\main_debug.py premere "s" per salvare.
  • A questo punto dovrebbe avviarsi in automatico \main.py, lo script principale. Nel caso non si avviasse:
rasp@puccia:~$ python3 main.py
# eseguire il comando nella cartella della repository
  • Il sistema adesso è in grado di rilevare correttamente e segnalare le pucce, tra le schermate troviamo: Puccia-main Le finestre Operative_Mask e Puccia_CAM sono le stesse di .\main_debug.py, sulla finestra del terminale invece saranno stampati eventuali messaggi: per esempio quando la scrittura sul foglio verrà effettuata con successo. Oppure messaggi di errore, con descrizione (e ovviamente gli ID delle pucce presenti in Puccia_CAM).

Configurazione delle credenziali per Google Drive:

Per utilizzare le feature di upload di dati e immagini necessitiamo di alcuni file che permetteranno al sistema di autenticarsi e quindi di ricevere i permessi di scrittura e upload.

  • Per la procedura di creazione delle credenziali per scrivere su Google sheet, rimandiamo a questo video (dal minuto 3:40 in poi). Una volta scaricato il file .json rinominarlo in creds.json e spostarlo in .\Lib\Creds.
  • Invece per la creazione dei file .json per l'upload di immagini, consigliamo di seguire questa guida. Una volta creati i file "settings.yaml" e "client_secrets.json" spostarli nella cartella .\Lib\Creds.

Avviato lo script main.py vi chiederà di fare l'accesso con l'account Google con il quale avete creato le credenziali. Fatto la prima volta non vi sarà più richiesto.

Demone Linux:

Per eseguire lo script all'avvio del RaspBerryPI:

  • Aprire questo file
  • Modificare le voci racchiuse tra < .. > (es. al posto di <abs_path_puccia-perfetta> va messo il percorso assoluto della repository)
  • Copiare il file in /etc/systemd/system/
  • Poi attivarlo con il comando da terminale:
rasp@puccia:~$ sudo systemctl enable Puccia-Daemon
# Al riavvio del RaspBerryPI lo script partirà automaticamente
  • Nel caso si volesse far partire subito senza riavviare:
rasp@puccia:~$ sudo systemctl start Puccia-Daemon

Variabili modificabili:

Variabili presenti in .\main.py:

19 - fold_image_drive_burned = "<str>" # token della cartella Google Drive che conterrà le immagini delle pucce bruciate rilevate
20 - fold_image_drive_random = "<str>" # token della cartella Google Drive che conterrà le immagini prese a campione
28 - interval = <int> # intervallo di tempo (in minuti) per stabilire ogni quanto lo script fara uno screen delle pucce prese a campione 
31 - block_hour = <int> # range(1, 24) ora in cui lo script caricherà le immagini su drive  
32 - block_min = <int> # range(0, 60) minuto in cui lo script caricherà le immagini su drive
33 - block_sec = <int> # range(0, 60) secondo in cui lo script caricherà le immagini su drive  
34 - sheet_name = "<str>" # nome del foglio google su cui andranno scritti i dati raccolti

Stato attuale del progetto:

Il progetto è stato pubblicato a Maggio 2022, nella sua prima versione ed è attualmente funzionante.

Sviluppi futuri:

  • Implementare IA e ML per il riconoscimento delle pucce da scartare
  • Riconoscimento delle pucce crude
  • Riconoscimento delle pucce con una forma "strana"
  • Implementare braccio robotico per scartare le pucce "non buone"

Autori:

Software: Tommaso Orlando, Rei Doda, Davide Palma e Nicola Nargiso.

Hardware & Dimostratore: Carmine Capece, Francesco Muccilli e Giovanni Pompigna.

Maggio 2022

Send a Message